Author: giuly

Berømte sicilianske filmkulisser i Mine aftner i Paradis (1988)

filmlocation fra filmen: Mine aftener i Paradis (1988)
instruktør: Giuseppe Tornatore
genre: Drama/Komedie
Området: Sicilien

Mine aftener i Paradis er en hyldest til filmhistorien, en hyldest til livet, en hyldest til at få det man drømmer om og om ikke at få det hele.

Den originalt udgivet version fra 1988, var et over to timers langt format (155 minutter), som floppede i hele Italien. Efter en 30 minutters reduktion til den international version, blev filmen igen udgivet. Filmen blev vist i Cannes i 1989 og vandt Juryens Grand Prix. Siden blev den et box office hit og vandt en Oscar i 1990 for bedste udenlandske film.

Musikken, som i alle andre Tornatore’s film siden “Mine aftner i Paradis”, er komponeret af den legendarisk filmkomponist Ennio Morricone.

I anledning af at Mine aftner i Paradis i september 2018 havde 30 års jubilæum, blev Tornatores Oscar-vindende mesterværk relanceret i de danske biografer i den flot ny-restaureret version.

Vi tager en tur hvor filmen blev optaget: det fiktiv Giancaldo, som i virkelighed er byen Palazzo Adriano, der ligger i midten af Sicani-bjergene, ved provinsen Palermo. Slottet i Castelbuono, der går tilbage til det 14. århundrede hvor der blev optaget Totò’s skole.

I Cefalù ved ‘Arena Imperia’, hvor der vises episke Odysseus, med Kirk Douglas fra 1954, som afbrydes af en sommer regnstorm. Det findes i byens Porta Marina, med sin gotiske bueden eneste tilbageværende byport på fire, der engang gav adgang til byen.

Gaderne ødelagt af krigen, hvorigennem Totò går sammen med sin mor efter at have modtaget nyheden om sin fars død, er fra Ruderi di Poggioreale, provinsen Trapani.

 

 

Berømte sicilianske filmkulisser i Malèna (2000)

filmlocation fra filmen: Malèna (2000)
instruktør: Matteo Garrone
genre: Drama/Komedie
Området: Sicilien

Handlingen i filmen foregår under Anden Verdenskrig, fra krigserklæringen den 10. juni 1940 til den amerikanske landing på Sicilien i 1943.

I den imaginære Castelcutò (Sicilien) er den trettenårige gamle Renato” besat af den smukke Malèna(Maddalena) Scordìa. Malènas mand er soldat og er blevet meldt savnet.

”Malèna” er smuk, mændene begærer hende, kvinderne hader hende og er misundelige.

Hele landsbyen har travlt med at sladre om hende.

Film handler om ”Renato” – filmens fortæller – der udvikler sig fra dreng til voksen og om Malèna, som går fra at være hustru til enke, derfra til prostitueret. I slutningen optager hun igen rollen som hustru, fordi hendes mand pludselig vender tilbage.

Castelcutò eksisterer ikke. Scenerne i den sydøstlige del af Sicilien blev optaget i Siracusa og Noto (i provinsen Siracusa).

Scenerne i den vestlige del af Sicilien blev filmet i Scala dei Turchi i Realmonte, Agrigento, stranden, hvor ”Renato” og hans venner mødes, og i Poggioreale (Trapani), hvor ”Renato” møder Malénas mand for første gang.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Berømte filmkulisser i Postbudet (1994)

filmlocation fra filmen: Postbudet (1994)
Instruktør: Michael Radford – Massimo Troisi
Genre: Komedie/drama
område: De Æoliske Øer på sicilien og Procida Ø fra Napolibugten

Den smukke og poetiske Postbudet fortæller en fiktiv historie om den periode, hvor den chilenske digter Pablo Neruda levede i eksil udenfor Chile, i begyndelsen af 50’erne.

I dette fiktive univers flytter Neruda til en lille italiensk ø, hvor de fleste er analfabeter, men der må ansættes et ekstra postbud for at klare den mængde post, en kendt digter kan skabe.

Mario Ruoppolo, en dårligt uddannet fisker med drømme om noget mere i livet, bliver Nerudas private postbud.

De to udvikler et venskab og Marios forståelse og værdsætning af poesi udvides.

Endda så langt, at han kan bruge poesi til at vinde den smukke Beatrice.

Postbudets strand og Mario’s hus blev filmet i Pollara di Salina i de æoliske øer.

Pollara di Salina, blev valgt til optagelse af de naturlige landskaber. I alle de scener, hvor Mario cykler gennem bjerge grænser op til en koboltblå hav er optagelserne fra ø Salina.

Lige uden for hektiske Napoli ligger Procida ø. Her er mange scener fra Il Postino blevet optaget i Corricellas gader og nede på den kulørte og lidt søvnige havn. Det gælder ikke mindst den lille café, der i dag blot hedder Locanda del Postino.

 

Berømte sicilianske filmkulisser i “Leoparden” (1963)

filmlocation fra filmen: “Il Gattopardo / Leoparden” (1963)
Instruktør: Luchino Visconti
Genre: drama
Tema og område: Berømte sicilianske filmkulisser

Dette foredrag handler om de spektakulere filmlocation i “Leoparden” (1963), en filmatisering efter romanen af Giuseppe Tomasi di Lampedusa skabt af neorealismens fader Luchino Visconti.

Visconti, efter at have læst romanen flere gange, måtte løse nogle vigtige problemer: han skulle til at finde de egnede steder til at erstatte de paladser, der er beskrevet i romanen, men som i virkeligheden eksisterede ikke længere. Hvis Visconti skulle til at optage filmen i dag, ville han have haft mindre vanskeligheder. Først og fremmest blev Lampedusa-paladset, som var bombarderet under anden verdenskrig, genopbygget i 2015 af nogle sicilianske borgere. Ja, en gruppe arkitekter restaurerede det, som var tilbage af villaen med egen finansiering og ved at bevare den oprindelige struktur af det ædle palads. For det andet er det i dag, i modsætning til begyndelsen af 60’erne, muligt at rekonstruere hele scenariet samt de manglende bygninger med digitale computerteknikker. Disse og mange andre nysgerrigheder kan afsløres i mit filmturisme foredrag om “Il Gattopardo”.

Visconti valgt nogle vidunderlige paladser og villaer. Vi tager en tur til Palazzo Gangi, Villa Boscogrande, byen Ciminna, Palermo, quartiere Kelsa, Piana degli Albanesi på Sicilien og Palazzo Chigi i Ariccia i provinsen af Rom.

Il gattopardo / leoparden (1963)

 

 

 

Cineturismo: “Nuovo Cinema Paradiso” (1988)

Kan du forstå og læse italiensk? Find mange interessante artikler ved Dante Alighieri CPH hjemmeside. Hermed min sidste artikel om filmturisme. Denne gang handler det om de sicilianske kulisser bag om Oscarvinderen “Mine aftener i Paradis”

Buona lettura 🙂

http://www.dante-alighieri-cph.dk/2019/03/12/viaggio-negli-incantevoli-paesaggi-della-sicilia-cinema-paradiso/

 

Viaggio negli incantevoli paesaggi della Sicilia di “Nuovo Cinema Paradiso”

Viaggio negli incantevoli paesaggi della Sicilia di “Nuovo Cinema Paradiso”

Trent’anni dopo l’uscita, la pellicola torna a essere protagonista

Questa è la storia rocambolesca del trentennale “Nuovo Cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore.

Le sorti del film cambiano radicalmente durante il suo percorso. Inizia nel 1988 con un flop nazionale, poi si presenta al Festival di Cannes con una versione ridotta e vince il Gran Premio della Giuria. Pochi mesi dopo si candida all’Oscar e nel marzo del 1990 lo vince come Miglior Film Straniero. Nel 1991 vince ben cinque premi BAFTA. Un’esperienza a dir poco clamorosa, che si snoda tra grandi delusioni e infinite soddisfazioni. Come un’Araba Fenice, il film rinasce e in poco più di un anno passa dalle “ceneri” alle “stelle” di Hollywood.

“Nuovo Cinema Paradiso” si presenta in più versioni di diversa lunghezza. L’originaria versione di 155 minuti fu un vero disastro, così Tornatore un anno dopo decide di sostituirla con una seconda versione ridotta di trenta minuti e la presenta a Cannes. In seguito nel 2002 esce una versione “director’s cut” di 173 minuti. Nel 2014 la pellicola si rilancia a Los Angeles in una nuova scintillante versione restaurata. A fine proiezione il pubblico americano si alza in una fortissima interminabile e commovente standing ovation. Nel novembre del 2018, in occasione del 30° anniversario, il film viene proiettato in tutti i cinema della Danimarca nella sua rinnovata versione. Insomma sembra che “Nuovo Cinema Paradiso” abbia una sua volontà propria che lo vuole di volta in volta sempre protagonista.

Sembra quasi inverosimile che nel novembre del 1988, il Cinema Aurora di Messina, a differenza di tutti gli altri cinema in Italia, fu l’unico a tenere il film per una settimana. Il gestore Gianni Parlagreco vide “Nuovo Cinema Paradiso” e se ne innamorò subito. Gli ritornò in mente tutta la sua vita da ragazzo, il suo amore per il cinema di provincia vicino a casa, la puzza di fumo di cui era impregnato tutto, le sedie di legno e una galleria completa degli svariati tipi di personaggi locali che frequentavano la sala. Anche a Messina il film non incassa, ma la passione per il cinema di Gianni, che si riconosce nel piccolo Totò, lo fa escogitare uno stratagemma: l’esercente lascia entrare gratis gli spettatori, ma all’uscita, se il film è stato di loro gradimento, possono pagare il biglietto. Fu così che progressivamente il film crebbe e arrivò a incassare settantadue milioni di lire solo a Messina contro l’incasso complessivo di 120 milioni in tutta Italia.

A ispirare il regista fu un fatto realmente accaduto nel 1977, durante uno dei suoi viaggi in Sicilia. Tornatore scoprì che il cinema della sua infanzia era stato chiuso. All’epoca accadeva continuamente, alcune città italiane rimasero senza cinema. In quegli anni le videocassette avevano preso il sopravvento e sembravano seriamente minacciare il futuro delle sale cinematografiche. Tornatore decise che era arrivato il momento di realizzare un progetto che si portava dietro da qualche tempo e si mise a intervistare i vecchi del posto, chiedendo loro di raccontare la storia del cinematografo. Il personaggio di Alfredo è ispirato ad Alfredo Vaccaro, puparo siciliano (siracusano) che raccontò a Tornatore il suo mestiere di proiezionista con tutte le limitazioni di allora. Ne nacque così “Nuovo Cinema Paradiso”, un film che è un tributo alla storia del cinema, alla vita, ma anche alla realizzazione dei propri sogni e a quelli infranti.

In questo film il regista siciliano, nativo di Bagheria in provincia di Palermo, ci porta a spasso per gli incantevoli paesaggi della Sicilia. L’immaginario paesino di Giancaldo, cornice della storia, è in realtà una montagna che sovrasta Bagheria, in provincia di Palermo. Mentre le scene ambientate nel presunto Giancaldo sono state realizzate a Palazzo Adriano, in provincia di Palermo. La bellissima piazza di Palazzo Adriano, con la caratteristica fontana bianca ottagonale in stile barocco del 1608, è il fulcro delle riprese, dove s’intrecciano le vicende del film. Oggi la piazza, a parte il traffico automobilistico, è rimasta invariata, così come le sue tre chiese. La chiesa di Maria Santissima Assunta, adornata di stucchi e impreziosita dall’arte dell’artista palermitano Giuseppe Patania, fa da sfondo alla vita degli abitanti di Giancaldo: donne che preparano l’estratto di pomodoro, il giovane Totò che si sofferma sui gradini a pensare ai consigli di Alfredo e così via. Mentre gli interni del Cinema Paradiso furono girati nella Chiesa di Maria Santissima del Carmelo, caratterizzata da un’unica navata e da un maestoso portone d’ingresso. Infine, s’intravede la chiesa di Maria Santissima del Lume, con la sua torre dell’orologio, verso la fine del film, quando Totò adulto partecipa al corteo funebre per Alfredo.

Ovviamente a Palazzo Adriano non troviamo il Cinema Paradiso, per quanto tutti i turisti chiedano dove si trovi. Il cinema, infatti, era uno scenario cinematografico che lo stesso regista fece distruggere in una delle scene finali. Ma a Palazzo Adriano oggi si può visitare il Museo “Nuovo Cinema Paradiso”, nel quale sono conservati alcuni cimeli, come ad esempio la bicicletta di Alfredo e moltissime foto del set, il tutto accompagnato dalla colonna sonora di Ennio Morricone. Certo, non tutte le scene furono riprese a Palazzo Adriano, alcune sono state girate al piccolo porticciolo di Cefalù, che nel film funge da Cinema Paradiso all’aperto durante il periodo estivo. Altre scene sono state realizzate in altri luoghi della provincia palermitana tra cui Castelbuono, dove nel Castello dei Ventimiglia fu ambientata la scuola di Totò. Le scene tra le strade bombardate, in cui Totò cammina con la madre dopo aver ricevuto la notizia della morte in guerra del padre, sono state girate a Poggioreale in provincia di Trapani, un paesino fantasma distrutto dal terremoto del 1968.

Il film è stato restaurato da Luce Cinecittà in collaborazione con il laboratorio bolognese, L’Immagine Ritrovata in occasione dei suoi venticinque anni. In un’intervista Il regista, dopo aver introdotto alla platea il film nella sua veste rinnovata, confessa: “Nuovo Cinema Paradiso è tutto per me, è grazie a questo film che ho potuto continuare a fare il mio mestiere. Un film stranissimo, che ancora oggi suscita nel pubblico un entusiasmo e una passione che m’imbarazzano. Decisamente un’opera che ha sempre fatto di testa sua.”

Vuoi scoprire i luoghi di “Malèna”, un altro film famoso di Tornatore girato nella Sicilia orientale, a Siracusa e Noto, e nella parte occidentale alla Scala dei Turchi, tutti luoghi che appartengono al patrimonio culturale dell’UNESCO?

Partecipa alla conferenza il 22 marzo. Qui il link per l’iscrizione:

http://www.fof.dk/Gentofte/Kursusoversigt/foredragogdebat/foredragsraekker/italiensk-filmturisme?id=391029

Cinema: Italiensk filmturisme 04.04.19

Husk at tilmelde dig til foredraget om filmen: Tale of Tales (2015)

Foredraget holdes på let italiensk med opsummeringer på dansk 🙂

Her linket: https://genbib.dk/arrangementer/film/cinema-italiensk-filmturisme

 

Giuliana Holm holder foredrag om Italiensk filmturisme

Kom og nyd en fantastisk rejse gennem Italiens smukke eventyrlige film locations.

Vi ser på de pragtfulde paladser, fortryllende slotte, mystiske skove, maleriske kyster, bjerge og dybe kløfter, som blev udvalgt til filmoptagelser.

Vi ses 🙂

Fire film, du skal holde øje med i den kommende sæson 2019 ved FOF Gentofte

Filmlocations forbliver i de sicilienske filmkulisser. Tre film er af oscar-vindende filminstruktør Giuseppe Tornatore:

1. Film: Mine aftner i Paradis (1989) Området: Cefalù & Palermo, nordvestsicilien

2. Film: Malèna (2000) Området: Siracusa, sydøstsicilien

3. Film: Postbudet (1994) Området: Pollara på øen Salina – de Æoliske Øer

OBS: Foredraget foregår på dansk, men det italienske sprog benyttes. Forudsætninger på basisniveau i italiensk er en fordel, når filmen gennemgåes, men det er ikke et krav.

Var du ikke med til den sidste filmturisme foredragsrække?

Så kan du tilmelde dig til næste forårssæson 2019 ved FOF Taastrup og høre om de spektakulære filmlocations af disse tre film:

Film: Il racconto dei racconti / Tale of Tales (2015) Giambattista Basile / Matteo Garrone.
Område: Puglien, Toscana, Sicilien og Lazio, Abruzzo.

Film: Un paese quasi perfetto / An (almost) Perfect Town (2016) Massimo Gaudioso.
Område: Basilicata, Campania

Film: Leoparden (1963) Giuseppe Tomasi di Lampedusa / Luchino Visconti
Område: Sicilien.

OBS: Foredraget foregår på dansk, men det italienske sprog benyttes. Forudsætninger på basisniveau i italiensk er en fordel, når filmen gennemgåes, men det er ikke et krav.

 

Il racconto dei racconti / Tale of tales (2015)

Un paese quasi perfetto / An (almost) perfect town (2016)

Ladri di biciclette compie 70 anni

Badolato – Cineturismo a rovescio

Intervista al regista Alessandro Genovesi

Di Giuliana Holm

Laurea Magistrale in Cinema e media

http://www.dante-alighieri-cph.dk/2018/08/21/badolato-cineturismo-rovescio/

Mi trovo in Calabria, più precisamente nel borgo di Badolato in provincia di Catanzaro. Da poco è terminato il Magna Grecia Film Festival di Catanzaro, dedicato quest’anno a Vittorio De Sica e al 70esimo anniversario del suo capolavoro Ladri di biciclette, ricco di ospiti nazionali e internazionali tra i quali Oliver Stone, Richard Dreyfuss, Rupert Everett. Badolato Borgo con i suoi incantevoli scorci attira diversi artisti, per questo motivo è chiamato il borgo degli artisti. Molti registi e critici del cinema vengono qua per fare le vacanze. Si discute, infatti, se il cinema si trovi a Badolato oppure lo attraversi? Di fatto qui si incontrano personaggi come Emiliano Morreale, docente di Storia del Cinema Università della Sapienza e critico di Repubblica e l’Espresso, Alina Marazzi regista di Vogliamo anche le rose (2007) e Tutto parla di te (2012) con Charlotte Rampling, Dario Zonta, conduttore di Hollywood Party radio 3 e produttore artistico di Sacro G.R.A (2013) e Fuocammare (2016) e ancora Francesco Munzi regista di Anime nere (2014) e Monica Guerritore, che a luglio si è esibita con la sua grandiosa interpretazione dell’Inferno di Dante e dell’Infinito di Leopardi.

 

Nel borgo Il 13 agosto, in occasione della festa dell’Assunta, è stato proiettato sotto le stelle nello spettacolare sfondo sulla chiesa dell’Immacolata il film Puoi baciare lo sposo (2018). La serata ha avuto come ospite d’eccezione il regista Alessandro Genovesi (regista di La peggior settimana della mia vita (2011) e sceneggiatore di Happy Family (2010), poi divenuto film con la regia di Gabriele Salvatores). Emiliano Morreale, durante una breve presentazione, ci svela che nonostante il film sia stato girato a Civita di Bagnoregio la vera ispirazione del film è stata il borgo di Badolato. Infatti, il titolo della prima versione presentata a Turi Caminiti, badolatese appassionato di cinema e organizzatore di questa XVI rassegna cinematografica, era “Matrimonio a Badolato”. Caminiti sconsigliò vivamente il regista di girare il film nel borgo, temendo in seguito l’assalto del turismo. Ecco perché in questo caso si può definire “Cineturismo a rovescio”. Morreale ci presenta inoltre il montatore del film Claudio Di Mauro, in vacanza nel vicino borgo di Sant’Andrea Apostolo dello Ionio e invitato qui per la serata, ma anche l’attore Francesco Colella, che con il film Puoi baciare lo sposo non c’entra proprio nulla, ma si trova qui perché in questo periodo sta interpretando un ruolo in Calabria nella nuova serie Zero Zero Zero di Stefano Sollima, tratta dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano.

 

Ha inizio la proiezione. Il pubblico numeroso ride delle disavventure della giovane coppia gay in difficoltà dopo aver annunciato il proprio matrimonio ai genitori. Alla fine il pubblico applaude divertito. I protagonisti sono Diego Abatantuono, Monica Guerritore, Salvatore Esposito e Cristiano Caccamo. Nel film si riconoscono chiaramente alcuni particolari del borgo di Badolato, come ad esempio il sindaco noto per l’accoglienza dei migranti, il rischio del crollo in alcune zone, come avvenne dopo l’alluvione del 1951, la tradizionale processione pasquale del sabato santo con tutti i figuranti in costume: i romani, i giudei, gli incappucciati e Gesù sotto il peso della sua croce. Senza dimenticare la chiesa dell’Immacolata, che in realtà non esiste a Civita di Bagnoregio, ma che è il fulcro più importante di Badolato.

Dopo la proiezione ho l’occasione di strappare una breve intervista al regista Alessandro Genovesi che si trova qui in vacanza.

 

Perché il film è stato girato a Civita di Bagnoregio e non a Badolato?

– Questo è un film che viene visto da tante persone in Italia e in genere se un posto molto bello viene raccontato in un film poi c’è un turismo fatto apposta per andare a vedere quel paese. Siccome Badolato è bella perché non è sovraffollata ed io amo questo posto, ho semplicemente voluto proteggerla. Nel film diventa quasi un paese inventato, che prende spunto da Badolato, ma lo sappiamo solo noi che la conosciamo. Il borgo di Civita di Bagnoregio è molto più piccolo di Badolato e come Badolato è una città magica e sta veramente crollando. È un paese che dopo il film è stato assalito dal turismo, però in generale ci sono solo negozi, botteghe e ristoranti, ma ci vivono solo sette persone e basta. Non ci sono gli immigrati, quello è un altro un riferimento a Badolato. Quando l’ho scritto, essendo abituato a venire qua, ho raccontato un posto come se fosse Badolato, anche se nel film, fatti e persone sono puro frutto della fantasia.

 

Nel soggetto ci sono una serie di personaggi fuori dalla norma i quali culminano in uno scontro aperto con il conformismo prevalente nella piccola società ambientata nello sfondo di un borgo dalle antiche tradizioni religiose, quasi a voler ribaltare un paese ben radicato nelle propria etica millenaria.

Era vostra intenzione dare un allegro scossone agli italiani ancora restii ad accettare le famiglie gay e le unioni di coppia di vario genere, come per esempio quella tra un crossdresser di mezza età e una ragazza ricca orfana di padre?

 

Guarda è un film, per cui non è una proposta di legge, è appunto un racconto che tratta un argomento di attualità e prende inevitabilmente una posizione, cioè quella che l’amore non ha sesso. Non sono omosessuale e non sono un’attivista, però credo che è veramente importante per le generazioni future che questa cosa passi come normale. Noi abbiamo visto una storia d’amore e dopo breve tempo ci siamo dimenticati che era una storia tra due uomini. I personaggi sono creati per il divertimento, ma non sono trattati come macchiette, certo sono fuori della norma e chiaramente in contrasto con un borgo attaccato alle proprie tradizioni.

 

Quali reazioni ha avuto il vostro film in un paese cattolico come l’Italia?

La reazione in Italia l’hai appena vista, il pubblico rideva e quello succedeva anche al cinema. Certo che dopo le ultime elezioni, l’Italia è diventata un paese omofobo e populista. Il film è andato comunque bene, è distribuito in otto – nove paesi all’estero e adesso andrà in TV.

 

Uscirà anche in Danimarca?

No in Danimarca non c’è, sarà in Germania, uscirà l’anno prossimo in Spagna, in Francia, negli Stati Uniti, in Canada e nella Corea del Sud.

 

Finisco augurandomi che Puoi baciare lo sposo arrivi anche in Danimarca.

Il titolo in inglese è My Big Gay Italian Wedding, la canzone finale è Don’t Leave Me This Way (1975) di Kenny Gamble e Ricky Nelson

Danskerne i Badolato (Calabrien)

Giuliana Holm har Interviewet fem danskere, som har købt deres sommerhus i Badolato (læs på dansk side 16)

 

Loading...
X